A Novembre… visite guidate

SABATO 1 NOVEMBRE – ORE 10

IL CASINO DELL’AURORA PALLAVICINI E LA CHIESA DI SANT’ANDREA AL QUIRINALE Ingresso Gratuito

Guido Reni, L'aurora, Casino dell'Aurora, Palazzo Rospigliosi, RomaAperto solo il primo giorno di ogni mese, il Casino dell’Aurora Pallavicini è un piccolo gioiello barocco del primo Seicento romano, all’interno del complesso architettonico di Palazzo Pallavicini- Rospigliosi sul colle del Quirinale. Il cardinale Scipione Borghese lo fece erigere dal fiammingo Giovanni Vasanzio tra il 1612 e il 1616; egli seppe raggiungere un mirabile equilibrio tra la struttura architettonica e la decorazione scultorea della facciata. Ma soprattutto, al suo interno, sulla volta della sala centrale, Guido Reni affrescò il suggestivo Carro dell’Aurora che dà il nome all’intero ambiente. La nostra visita proseguirà nella vicina ed elegantissima chiesa di Sant’Andrea al Quirinale edificata nella seconda metà del Seicento per volere di Papa Alessandro VII e il progetto affidato a Gian Lorenzo Bernini.

Appuntamento: Via XXIV Maggio, 43

DOMENICA 2 NOVEMBRE – ORE 15:30

IL MAUSOLEO DI ADRIANO – CASTEL SANT’ANGELO – Ingresso Gratuito

CSA-1Andremo alla scoperta dell’imponente mole del grandioso “Hadrianeum”, voluto e ideato dall’imperatore Adriano, come sua sepoltura, la cui realizzazione fu forse affidata all’architetto Demetriano. Iniziato intorno al 130 d.C. fu terminato nel 139 un anno dopo la morte dell’imperatore. Sorgeva sulla riva destra del Tevere ed era accessibile dal Campo Marzio per mezzo di Ponte Elio, l’attuale Ponte Sant’Angelo. Alterato da oltre un millennio e mezzo di storia, rimangono tuttavia ancora leggibili le forme originarie. Con lo stabilirsi del potere temporale del pontefice, divenne il caposaldo difensivo di Borgo.

Appuntamento: Lungotevere Castello (Entrata Castel Sant’Angelo)

SABATO 8 NOVEMBRE – ORE 10

IL COMPLESSO DI SAN PIETRO IN MONTORIO AL GIANICOLO

sanpietroinmontorioLa suggestiva Chiesa di San Pietro in Montorio, così detto da “Mons Aureus”, nome dato al Gianicolo per la sua marna dorata, fu eretta prima del IX secolo sul luogo ove per erronea tradizione si riteneva che San Pietro fosse stato crocifisso. Al suo interno è conservata la meravigliosa ”Flagellazione”, opera di Sebastiano del Piombo del 1518 su disegno di Michelangelo. Nel chiostro della chiesa visiteremo il celebre Tempietto dell’architetto Donato Bramante, a pianta circolare, formato da sedici colonne doriche di granito, è uno dei capolavori più importanti dell’architettura rinascimentale. La visita si concluderà alle 12 sulla terrazza del Gianicolo per ammirare uno dei panorami più belli di Roma.

Appuntamento: Piazza di San Pietro in Montorio, 2

DOMENICA 9 NOVEMBRE – ORE 10

 L’ANFITEATRO FLAVIO – IL COLOSSEO

colosseo bombaSimbolo dell’eternità dell’Urbe, furono gli imperatori della famiglia Flavia a costruire il grande anfiteatro, destinato agli spettacoli gladiatori e alle cacce di animali selvatici. L’edificio, chiamato Colosseo a partire dal medioevo forse per la vicinanza di una colossale statua di Nerone, sorse sull’area prima occupata dal laghetto artificiale della Domus Aurea. I lavori, iniziati con Vespasiano, vennero terminati nell’80 d.C. da Tito, che promosse una grandiosa inaugurazione con giochi durati, sembra, cento giorni, durante i quali furono uccise circa cinquemila fiere. La costruzione venne poi completata al tempo di Domiziano (81-96).

Appuntamento: Piazza del Colosseo (entrata)

SABATO 15 NOVEMBRE – ORE 10

MOSTRA: ESCHER

Mostra-Escher-6Una grande mostra dedicata ad un grande disegnatore e incisore olandese Maurits Cornelis Escher (1898-1972). Attraverso la presentazione di oltre 150 opere la mostra vuole sottolineare l’attitudine di questo intellettuale ad osservare la natura in un altro modo, con un punto di vista diverso, tale da far emergere quella bellezza della regolarità geometrica che talora diviene magia e gioco. Spinto dallo stupore che provava per le bellezze del paesaggio italiano, Escher crea immagini dove la fantasia , l’inconsueto, il magico regnano sovrani e dove è presente la compenetrazione di mondi simultanei, il continuo passaggio tra oggetti tridimensionali e bidimensionali, ma anche le ricerche della Gestalt – la corrente sulla psicologia della forma incentrata sui temi della percezione -, le implicazioni matematiche, e le leggi della percezione visiva.

Appuntamento: Chiostro del Bramante, Via dell’ Arco della Pace, 5

DOMENICA 16 NOVEMBRE – ORE 16

LA PITTURA MANIERISTA A ROMA: LA CHIESA DI SAN MARCELLO AL CORSO E L’ORATORIO DEL SS.MO CROCIFISSO.

San_Marcello_al_CorsoLa chiesa di San Marcello al Corso è stata uno dei primi “tituli”, i luoghi di culto dei cristiani a Roma. Secondo la tradizione, la chiesa prende il suo nome da papa Marcello I che fu condannato da Massenzio alla servitù. La precedente struttura romanica fu distrutta da un incendio nel 1519 e fu ricostruita da Jacopo Sansovino con una sola navata e molte cappelle riccamente decorate su entrambi i lati. La barocca e pesante facciata concava è di Carlo Fontana (1682). All’interno ammireremo gli affreschi di Federico Zuccari, Francesco Salviati e Perin del Vaga. Il vicino Oratorio del SS. Crocifisso fu costruito negli anni Sessanta del Cinquecento per ospitare le riunioni di una Confraternita, intitolata appunto al Crocifisso, approvata nel 1526 da Clemente VII. L’edificio fu realizzato su progetto di Giacomo Della Porta tra il 1562 e il 1568 e decorato nei due decenni successivi con un impegnativo ciclo decorativo dedicato alla Confraternita e al suo oggetto di devozione celebrato attraverso episodi tratti dalla Leggenda della vera croce.

Appuntamento: piazza di San Marcello, 5

SABATO 22 NOVEMBRE – ORE 16

ROMA MEDIEVALE: IL COMPLESSO DEI SANTI QUATTRO CORONATI AL CELIO

ss quattro coronatiIsolato dalla vita caotica della città, lungo il pendio del Celio, la basilica dei SS. Quattro Coronati occupa un angolo di Roma che conserva intatto l’assetto medievale. È un vero e proprio gioiello di arte medievale nel cuore della città. Al suo interno visiteremo il chiostro del XIII secolo e l’oratorio di San Silvestro magnificamente decorato con le Storie dell’imperatore Costantino.

Appuntamento: via dei Santi Quattro, 20

DOMENICA 23 NOVEMBRE  – ORE 15:30

ITINERARI CARAVAGGESCHI: SAN LUIGI DEI FRANCESI E SANT’AGOSTINO IN CAMPO MARZIO

383px-Caravaggio_-_San_Matteo_e_l'angeloUna passeggiata tra storia, arte, leggenda per ammirare le opere del Caravaggio e non solo. Il percorso inizierà con la visita della chiesa di San Luigi dei Francesi in cui la cappella Contarelli ospita le tre splendide tele del Maestro raffiguranti episodi della vita di S. Matteo, e dove possiamo ammirare le Storie di Santa Cecilia del Domenichino nella cappella Polet. Proseguiremo la nostra passeggiata nella vicina chiesa di Sant’Agostino in Campo Marzio dove possiamo vedere  la Madonna dei Pellegrini realizzata dal Caravaggio per la famiglia Cavalletti e l’affresco del profeta Isaia di Raffaello.

 

Appuntamento:  Piazza San Luigi de’Francesi, 5

SABATO 29 NOVEMBRE – ORE 15:30

MOSTRA – MARIO SIRONI 1855- 1961

mario sironi la famigliaMario Sironi, tra i più grandi artisti del Novecento italiano, verrà celebrato con una mostra che vede esposti i suoi lavori più significativi per ricostruire la sua complessa attività artistica, ripercorrendo tutte le stagioni della sua pittura, dagli esordi simbolisti al momento divisionista, dal periodo futurista a quello metafisico, dal Novecento Italiano alla pittura murale fino alle opere secondo Dopoguerra. Sironi è stato uno dei più originali pittori italiani, nonché tra i più rappresentativi della sua epoca, come testimonia la stima dei colleghi, e non solo, nei suoi confronti. Scrive Elena Pontiggia in uno dei saggi in catalogo: «Sironi è stato mussoliniano ma, per parafrasare Vittorini, non ha mai suonato il piffero della rivoluzione fascista perché la sua arte, intrisa di dramma, era più funzionale alla verità che alla propaganda. Sironi, insomma, è stato il più tedesco dei pittori italiani e il più italiano dei pittori tedeschi».

Appuntamento: Complesso del Vittoriano, Via di San Pietro in Carcere

PER TUTTE LE INFO :  VIENI CON NOI

E-mail : igiardinidellarte@libero.it – seguici su FACEBOOK

A Settembre…

Sabato 6 settembre – ore 17

L’area archeologica dello Stadio di Domiziano e Piazza Navona

Parione_-_Stadio_di_Domiziano_1120141L’area archeologica dello Stadio di Domiziano, oggi “Piazza Navona” è il primo esempio di stadio di atletica in muratura costruito a Roma. Iniziando la nostra visita tra i resti di questa maestosa costruzione e delle attività che si svolgevano in esso, attraverso un viaggio nella storia, ripercorreremo le trasformazioni di questa meravigliosa area del centro storico per concludere la nostra visita tra i capolavori del Barocco romano nell’affascinante Piazza Navona.

Appuntamento: Roma, Via di Tor Sanguigna 3. Biglietto d’ingresso €5 – €3

Domenica 7 Settembre – ore 16:30

“Andiamo alle terme….Le terme di caracalla”

– Ingresso Gratuito –

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una mattinata alle terme, lasciamo andare l’immaginazione e torniamo indietro nei secoli:

“Seguiamo la gente che entra. E ci mettiamo anche noi in coda: notiamo che ci sono uomini e donne, vecchi e bambini, artigiani e soldati, ricchi e schiavi. […] La coda avanza rapidamente. A una a una le persone danno una moneta a uno schiavo, che le mette in un piccolo forziere di legno. L’entrata non è libera, ma il prezzo è davvero popolare: un quadrante” (A. Angela).

Il complesso termale costruito da Caracalla tra il 212 e il 217 d.C è uno dei meglio conservati. Le terme, che potevano accogliere più di 1.500 persone, furono restaurate da Aureliano, Diocleziano e Teodorico. Cessarono di funzionare dopo il 537 d.C. in seguito all’assedio di Roma da parte del capo dei Goti, Vitige, che tagliò gli acquedotti per togliere i rifornimenti idrici alla città. Negli scavi effettuati nelle terme, a partire dal XVI secolo, furono rinvenute molte opere d’arte, tra le quali tre famose sculture “farnesiane” (il Toro, la Flora e l’Ercole) ora al Museo Nazionale di Napoli, e le due grandi vasche di granito, ora in piazza Farnese a Roma.

Appuntamento: Roma, via delle Terme di Caracalla 52. Biglietto €6 – €3

LE VISITE DEL 14 – 20 e 27 SETTEMBRE SONO INSERITE IN:

“San Pietro: Il Primo Papa della Chiesa Cattolica”

«Già da qualche anno regnava Nerone, quando giunse in Roma l’apostolo Pietro e, operati alcuni miracoli per la virtù e il potere che Dio aveva infuso in lui, convertì molti alla vera fede e innalzò a Dio un tempio fedele e duraturo» (Lattanzio III-IV sec.d.C.)

Con una serie di visite, distribuite in più giorni, andremo alla scoperta dei luoghi emblematici legati alla figura di questo Apostolo, il primo ad essere chiamato da Gesù insieme a suo fratello Andrea.

Domenica 14 Settembre – ore 16:30

 La Basilica di San Pietro in Vincoli e il Mosè di Michelangelo

arte_roma_030_s_pietro_in_vincoliUna passeggiata nel Rione Monti ci porterà nella splendida basilica di San Pietro in Vincoli detta anche Basilica Eudossiana, perché ricostruita da Eudossia, moglie dell’imperatore Valentiniano III, per custodirvi le catene di San Pietro ritenute in Gerusalemme e a lei consegnate da sua madre Eudocia e, Secondo la tradizione, ancora conservate sotto l’altare.  Consacrata nel 439 da papa Sisto III, fu restaurata durante il pontificato di Adriano I nel 780 circa, ed in seguito dopo il 1000. Notevoli lavori vi intraprese il nipote di Sisto IV, il Cardinale Giuliano Della Rovere, dal 1471 al 1503, anno in cui fu eletto papa con il nome di Giulio II. Al suo interno è conservato la meravigliosa tomba di Giulio II con la statua del Mosè magistralmente scolpita da Michelangelo.

Appuntamento: Roma, Piazza di San Pietro in Vincoli 4. Ingresso libero

 Sabato 20 Settembre – ore  9:30

 Il Complesso di San Pietro in Montorio al Gianicolo

sanpietroinmontorioLa suggestiva Chiesa di San Pietro in Montorio, così detto da “Mons Aureus”, nome dato al Gianicolo per la sua marna dorata, fu eretta prima del IX secolo sul luogo ove per erronea tradizione si riteneva che San Pietro fosse stato crocifisso. Nella prima cappella a destra si trova la”Flagellazione” opera di Sebastiano del Piombo del 1518 su disegno di Michelangelo. Nel cortiletto della chiesa si trova il celebre Tempietto del Bramante, a pianta circolare, formato da sedici colonne doriche di granito, uno dei capolavori più importanti dell’architettura rinascimentale.

Sabato 27 Settembre – ore 9

Nel cuore della Cristianità: la Basilica di San Pietro in Vaticano

vista_aereaLa Basilica di San Pietro è la più grande delle basiliche papali di Roma, descritta come la più grande chiesa del mondo, centro della cristianità. Dal COLONNATO del BERNINI entreremo in quella che è la più importante basilica a Roma ripercorrendo la storia dei suoi progetti: dalla primitiva basilica costantiniana attraverso i cambiamenti cinquecenteschi fino all’assetto attuale opera dei più grandi architetti di tutti i tempi. Con l’aiuto di immagini e piantine della basilica riusciremo insieme a capire la sua evoluzione progettuale.

La visita finirà, solo per chi vorrà, sulla CUPOLA della basilica per ammirare uno dei più bei panorami del mondo. L’accesso alla cupola si ha attraverso la lunga salita a spirale, denominata “lumaca di Sant’Andrea” e 537 scalini che portano fino alla panoramica galleria esterna.

Appuntamento: Roma, Piazza San Pietro (inizio del colonnato – lato destro guardando la basilica). Biglietto ingresso cupola: €7 (con ascensore fino al livello terrazzo + salita a piedi 320gradini) – €5 (salita a piedi – 551 gradini).

Domenica 21 Settembre – ore 16:30

Palazzo Spada e la galleria Prospettica di Francesco Borromini

fintaprospettivapalazzospada2La Galleria Spada venne aperta al pubblico nel 1927, acquistata dallo Stato italiano  insieme al Palazzo che divenne sede definitiva del Consiglio di Stato. La maggior parte delle opere esposte proviene dalla collezione di Bernardino Spada (1594-1661) successivamente accresciuta di nuove acquisizioni. Ma nel cortile del Palazzo dall’ingresso principale, si scorge sul lato sinistro, la celebre galleria prospettica opera di Francesco Borromini, che si spinge al di là del giardino piccolo dei melangoli, restituita alla sua immagine originaria da un recente e laborioso intervento di restauro.

Appuntamento: Piazza Capo di Ferro 13, ore 15:45. Biglietto d’ingresso: € e- €2,50

Domenica 28 settembre – ore 8

Il Palazzo del Quirinale

quirinale-the-inner-courtyardIl Palazzo del Quirinale sorge in un luogo che, per la posizione elevata e la particolare salubrità, ospitò fin dall’antichità nuclei residenziali, edifici pubblici e di culto. Sorsero nel IV secolo a.C. il tempio del Dio Quirino che impose nome al colle, e il tempio della Dea Salute nel quale si celebravano cerimonie propiziatorie del benessere dello stato; le presenze più imponenti sul colle erano certamente quelle delle terme di Costantino e del tempio di Serapide, edificato da Caracalla nel 217 d.C. Nel Medioevo il colle venne a popolarsi di chiese, di palazzetti gentilizi e di torri, mentre gli edifici antichi andavano in rovina ed i loro marmi cominciavano ad essere utilizzati per costruire nuove fabbriche. Nel ‘400 e all’inizio del ‘500 intorno alla piazza e lungo l’antica via Alta Semita (oggi via del Quirinale) si disposero palazzi e ville di nobili e prelati tra i quali il cardinale Oliviero Carafa, proprietario di una villa con vigna sul luogo dove oggi sorge il Palazzo del Quirinale. Andremo alla scoperta dei suoi cambiamenti nei secoli in un percorso che attraversa l’arte e la storia.

Appuntamento: Roma, Piazza del Quirinale. Biglietto d’ingresso: €5

PER TUTTO LE INFO CLICK SU VIENI CON NOI